chi sono

 

Sono nata a Bussoleno un paese della valle di Susa (provincia di Torino), esattamente nel borg dle ciòche.
I mitici anni Sessanta e il boom economico (dove tutti erano impegnati a lavorare) mi hanno regalato un tempo dilatato e la quasi assoluta padronanza dei giochi, un lusso che mi permetteva di sparire per interi pomeriggi da un cortile all’altro, da un prato all’altro.
Come si usava un tempo sono stata “allevata” da due famiglie: mamma e mimma.
(nella foto sono quella in basso a destra).

Nel 1984 ho pubblicato il mio primo libro “In Rosa” da allora ne ho scritti parecchi ma la mia formazione mi porta a presentarmi più che come una “scrittrice” come una che presta la sua scrittura per raccontare delle storie. Storie radicate nel sociale.
Dai primi anni Novanta ha fatto parte del comitato per la salvaguardia del territorio Habitat fondato a Condove nel 1991, comitato che dette vita all’opposizione a Treno ad Alta Velocità.
Nel 1995 insieme ad Armando Ceste e da una idea di Carla Gobetti abbiamo fondato il Valsusa Filmfest (www.valsusafilmfest.it), festival di film e video sui temi della memoria storica e salvaguardia dell’ambiente.
Insieme ad alcuni documentaristi ho firmato alcune inchieste.

Dal 2001  mi occupo di cooperazione decentrata degli Enti locali e faccio parte del Gruppo di coordinamento nazionale della Rete Comuni Solidali (www. comunisolidali.org)

Fra altri progetti ho co-fondato il RiaceInFestival (www.riaceinfestival.it) e il LampedusaInFestival (www.lampedusainfestival.com)

Dal 2011 sono stata eletta presidente dell’Associazione Rete Caffè Sospeso” (www.retedelcaffesospeso.com), Reti di festival, rassegne ed associazioni culturali in mutuo soccorso

Ho collaborato e collaboro con alcuni giornali e blog di movimento.